29 aprile 2008

Il lavoro nobilita l'uomo


Resonconto della mia prima giornata di lavoro da Game 7:
- svariate nozioni imparate (e ancora ne mancano);
- arrivati 4 bancali, contententi le nuove grucce della Game 7 Athletics: pesantissimi;
- cominciata la sostituzione delle vecchie grucce con le nuove, a partire da quelle dei pantaloni: pinze durissime che distruggono le mani;
- constatato di avere solo ragazze come colleghe, fatta eccezione per il mio capo;
- scoperto che il mio capo va via entro la fine della settimana e verrà quindi sostituito;
- assistito alla scena seguente: una coppia, un uomo e una donna sui 50-60, passa 1 ora di orologio a disquisire su una maglietta della Nike da regalare al figlio/nipote per il compleanno e mi usa come modello, facendomi vestire e rivestire più volte, intanto che il mio capo cercava di spiegargli una volta per tutte che eventualmente poteva solo cambiargli la merce, non ridargli indietro i soldi (alla fine hanno preso 2 magliette uguali, una S e una M);
- passata la Fabi in negozio (borsetta approvata);
- scoperto che la vice è una vicina di casa di Rikishi.

5 commenti:

erminio sterminio ha detto...

Vogliamo le foto delle tue colleghe non c'è ne frega un cazzo di quello che fai!!!!!

Poldo ha detto...

Non si chiama Rikishi si chiama Riquelme.E'molto piu' bello e da' l'idea di Argentina(quindi sole mare bistecche e guerre civili)..Tutt'al piu'posso concederti di chiamarlo "Riki Lauda".cordiali saluti
lo staff tecnico

gozzilla ha detto...

si effettivamente riquelme è meglio.Ma concordo cn le foto delle colleghe.Sperando ovviamente che queto blog non arrivi a loro tramite qualcuno che potrebbe parlarne con loro involontariamente..mah..la vita è strana..caro il mio clerks

Andy ha detto...

Passate in negozio e non rompete i cojones.

una tua collega ha detto...

andrea sei una merda..