30 maggio 2008

Prima vennero...

Quando i nazisti vennero per i comunisti,
Io restai in silenzio;
Non ero comunista.

Quando rinchiusero i socialdemocratici,
Rimasi in silenzio;
Non ero un socialdemocratico.

Quando vennero per i sindacalisti,
Io non feci sentire la mia voce;
Non ero un sindacalista.

Quando vennero per gli ebrei,
Rimasi in silenzio;
Non ero un ebreo.

Quando vennero per me,
Non era più rimasto nessuno che potesse far sentire la mia voce.

7 commenti:

bumba ha detto...

Bella poesia Andy davvero bella...i problemi degli altri spesso possono diventare anche nostri!!!!


ora enuncerò una poesia,perchè troppo spesso si parla di fascismo come chissa quale bestia nera ma nessuno vuole ricordare quello che hanno conbinato i nemici del regime.


Poesie fasciste
Foibe

eran giorni di sangue eran giorni senza fine
per le orde slave l'ultimo confine
eran gli ultimi fuochi di un infinita guerra
e quei barbari feroci volevan quella terra
uomini e donne venivan massacrati
loro sola colpa italiani essere nati
vecchi e bambini gettati negli abissi
spinti giu ' nel vuoto dai gendarmi rossi
foibe nella roccia e di roccia era anche il cuore
di un maresciallo boia di tanta gente senza nome
venivano sospinti con furore e odio
vittime prescelte per un vero genocidio
e dopo 50 anni han finto di scoprire
cio' che sempre si è saputo
e continuano a mentire
ma non avran mai pace quelle nude ossa
finché esisterà l'immonda bestia rossa
e' passato tanto tempo ma il mio cuore gioisce ancora
quando signora morte suono' la sua ultima ora
per quel maresciallo assassino d'innocenti
per quel boia immondo aguzzino di tanti
e non posso piu' scordare che il mio cuore piange ancora
al ricordo di un presidente che ha baciato la sua bara
presidente di quell'italia che ha voluto dimenticare
chi fu massacrato perchè italiano volle restare

Lo Staff tecnico ha detto...

Mi dispiace lettori e lettrici di questo blog,ma lo staff tecnico indice uno sciopero di una settimana,in accordo col Sindacato dello Staff tecnico,in quanto Lenny detto anche Cransis detto anche Focaccina detto anche purunsolo meloneiotiprestouncoglione,fa copia-incolla col blog di Beppe Grillo.Togliendo cosi'lavoro a noi dello Staff tecnico. In accordo con gli articoli 45 e 46 del 7 luglio 2007 Lo Staff tecnico porge i saluti.

Giuliano Stelvio ha detto...

No Staff tecnico stai tranquillo non puoi indire gli scioperi di Domenica.Contando che domani è il 2 Giugno lo sciopero puo'partire solo Martedi'.Quindi vi siete già mangiati 2 giorni di sciopero.Cazzoni.

Dr Giuliano Stelvio,
moderatore della chat

Il Sindacato ha detto...

Il Sindaco in accordo con lo Staff tecnico indice nella giornata del 3 giugno sciopero da parte dei lettori e lavoratori del blog!!!
Cause dello sciopero sono:


-andylenny non è bebbe Grillo
-rivogliamo la gnocca della settimana
-Giuliano stelvio è gay
-Bumbavice free
-varie ed eventuali

Andy ha detto...

Sappiamo tutti (almeno spero) come i regimi Fascista e Comunista abbiano deportato, imprigionato e ammazzato un sacco di gente. La Storia è quella, non si può negarla (anche se c'è chi ha il vergognoso ardire di farlo): i regimi Fascista e Comunista hanno fallito e vanno condannati in egual misura...i regimi.

Altra cosa sono le ideologie alla base di essi. Uguali anch'esse? No. Entrambi i regimi le hanno seguite? No.
Il comunismo è un movimento che ha come padri Karl Marx e Friedrich Engels, nato come alternativa al capitalismo imperante ai primi del '900; intendeva cambiare non solo la realtà economica, ma l'intera struttura della società, facendola diventare egualitaria e tesa al bene comune.
Il fascismo è un movimento rivoluzionario, reazionario, di carattere nazionalista e totalitario. Alla base del fascismo c'è l'odio e la violenza sul diverso: immigrato, comunista, omosessuale o barbone che fosse.

Il regime Comunista ha seguito la sua dottrina? No. E' diventato un partito politico che è poi degenerato in una dittatura, dimenticandosi completamente del popolo e del bene comune per esso.
Il regime Fascista ha seguito la sua dottrina? Sì. Da subito ha mostrato il suo animo violento e totalitario, imponendosi al potere con un colpo di stato nel 1922 e costituendo una dittatura nel 1925, eliminando (fisicamente) tutti gli avversari politici. Ha abolito il diritto di sciopero, costituito l'ordine dei giornalisti di regime, imposto un'educazione fascista nelle scuole, istituito le leggi razziali. Ha messo in pratica tutto il suo odio razzista e antisemita, ma non poteva fare altrimenti: era nella sua stessa ideologia.

Se poi vogliamo metterci a dire che "quando c'era lui i treni partivano in orario" o altre amenità, facciamolo pure, ma ricordiamoci che sono soltanto effetti collaterali.

sam ha detto...

che stavolta deve fare i complimenti a focaccina per il suo ultimo commento.N c'era modo migliore x descrivere la realtà.Ciò n toglie che sn daccordo con lo sciopero e che pretendiamo i nostri diritti. giuliano stelvio sei una merdaccia!tu e la tua st bernandus..............

bumba ha detto...

caro lo zio crandy,sicuramente ideologicamente parlando il comunismo sarebbe una cosa stupenda come l'anrchia del resto ma purtroppo o per fortuna viviamo in un mondo reale.I sinistroidi si basano sull'uguaglianza teorica delle persone ma forse noi siamo uguali hai miei amici rom?siamo uguali a gli abitanti dello zimbawe?non mi pare ma non perchè ci sia una razza migliore o perchè gli altri siano strani ma c'è una diversità culturale basata su millenni di storia e sinceramente nel'essere nazionalista non ci vedo nulla di male.Invece vedo del male nell'ideologia comunista rapportata al nostro mondo,la tolleranza il perbenismo l'uguaglianza data a priori porta solo alla rovina e di sicuro non si crea meritocrazia ragionando il quel modo.Sicuramente il regime fascista fù un regime sbagliato ma per tante cose a mio modesto parere erano giustissimee vorrei ricordare che non fu mai un regime totalitario colpa o grazie alla chiesa.
Il problema della sinistra e del concetto di uguaglianza proposto nell'ideologia comunista è che al mondo ci sono troppe minoranze che rompono le palle e perchè qualcosa vada bene a tutti bisognerebbe pregare in namecciano.


Magari quando c'era lui i treni non partivano tutti in orario,ma di sicuro potevo andare in stazione senza rischiare di prendere una coltellata da qualche marocchino ubriaco e potevo girare senza avere paura nella mia città e questo penso che sia un diritto di tutti i cittadini e questo l'inizio della libertà.

Domani anch'io faro sciopero per aderire alla campagna indetta dal sindacato e in qunto facendone parte non posso fare altrimenti

Bianchi Cristian tessera n 2698
sezione varese