27 maggio 2008

Italia, Stato di Polizia


Dal blog di Beppe Grillo.

Una
lettera da Chiaiano.

"Datemi voce e spazio perché sui giornali di domani non si leggerà quello che è accaduto. Si leggerà che i manifestanti di Chiaiano sono entrati in contatto con la polizia. Ma io ero lì. E la storia è un'altra. Alle 20 e 20 almeno 100 uomini, tra poliziotti, carabinieri e guardie di finanza hanno caricato la gente inerme. In prima fila non solo uomini, ma donne di ogni età e persone anziane. Cittadini tenaci ma civili - davanti agli occhi vedo ancora le loro mani alzate - che, nel tratto estremo di via Santa Maria a Cubito, presidiavano un incrocio.
Tra le 19,05 e le 20,20 i due schieramenti si sono solo fronteggiati. Poi la polizia, in tenuta antisommossa, ha iniziato a caricare. La scena sembrava surreale: a guardarli dall'alto, i poliziotti sembravano solo procedere in avanti. Ma chi era per strada ne ha apprezzato la tecnica. Calci negli stinchi, colpi alle ginocchia con la parte estrema e bassa del manganello. I migliori strappavano orologi o braccialetti. Così, nel vano tentativo di recuperali, c'era chi abbassava le mani e veniva trascinato a terra per i polsi.
La loro avanzata non ha risparmiato nessuno. Mi ha colpito soprattutto la violenza contro le donne: tantissime sono state spinte a terra, graffiate, strattonate. Dietro la plastica dei caschi, mi restano nella memoria gli occhi indifferenti, senza battiti di ciglia dei poliziotti. Quando sono scappata, più per la sorpresa che per la paura, trascinavano via due giovani uomini mentre tante donne erano sull'asfalto, livide di paura e rannicchiate. La gente urlava ma non rispondeva alla violenza, inveiva - invece - contro i giornalisti, al sicuro sul balcone di una pizzeria, impegnati nel fotografare.
Chiusa ogni via di accesso, alle 21, le camionette erano già almeno venti. Ma la gente di Chiaiano non se ne era andata. Alle 21.30, oltre 1000 persone erano ancora in strada. La storia è questa. Datemi voce e spazio. Perché si sappia quello che è accaduto. Lo stato di polizia e l'atmosfera violenta di questa sera somigliano troppo a quelli dei regimi totalitaristi. Proprio quelli di cui racconto, con orrore, ai miei studenti durante le lezioni di storia".
Elisa Di Guida, docente di Storia e Filosofia - Napoli

10 commenti:

Bumba ha detto...

Italia stato di polizia????MAGARI caro l'andy,sinceramente non credo proprio che la polizia così senza motivo abbia manganellato la gente perchè non aveva di meglio da fare,siamo in italia paese dove viene condannato un poliziotto perchè ammazza un civile che li sta lanciando addosso un estintore attorniato da altri manifestanti.Dimenticavo che ora c'è pure una piazza dedicata al ragazzo ucciso(Carlo Giuliani)ma di un polizziotto che è colpevole di aver fatto il proprio lavoro non si sà nulla oltre che è stato incarcerato.
Dubito fortemente che senza motivo chi è tenuto e pagato a fare ordine pubblico abbia iniziato la violenza senza motivo,credo di più che alcune persone e dico solo alcune dei manifestanti abbiano iniziato la violenza e che poi è andata a coinvolgere altre persone innocenti.Si parla troppo spesso di regimi totalitari,e si parla spesso non tenendo conto del senso della parola perchè se fossimo in un regime totalitario quelle persone venivano prese a manganellate ancora prima di scendere in piazza e andare contro la legge perchè ricordo che spesso intralciano esami e sopraluoghi con atti di vandalismo.Nessuno certo vuole discariche vicino a casa ne tantomeno far crescere i propri figli nella monnezza ma non si può voler far parte della camorra solo quando fà comodo e poi finanziarla attraverso mille attività illecite(evasione fiscale droga prostituzione ecc ecc).
Con questo non voglio dire assolutamente che tutti i Napoletani sono camorristi o brutte persone voglio solo dire che il problema è presente da tempo e ora che è arrivato all'apoteosi, le soluzioni sembrano non andar mai bene quindi è dovere dello stato mettere dei paletti e obbligare le persone a far rispettare la legge.
Uno civiltà si base su regole che devono essere rispettate a ogni costo,il perbenismo e i troppi interessi hanno portato l'Italia intera a una bruttissima situazione.

Dr ha detto...

Mi è venuta voglia di guardarmi una puntata di dragon ball

Andy ha detto...

Magari un par di ciufoli, visto che si tornerebbe ai tempi del Fascismo (e a quanto pare siamo sulla buona strada).
Purtroppo le immagini e i filmati parlano da soli, caro Bumbetta: guardati anche il mio vecchio post http://andylenny.blogspot.com/2008/03/la-situazione-in-campania.html

Sono il primo a condannare atti vandalici immotivati, che spesso vedono protagonisti degli estremisti (di destra e di sinistra). Ma qui non si sta parlando di questo, né di camorristi: si sta parlando di interi paesi popolati da gente comune, da uomini, donne, vecchi e bambini che sono esasperati da una situazione che dura ormai da 15 anni e si beccano manganellate in testa solo perché fanno sentire la loro voce. Se mi dicessero che i rifiuti delle industrie del sud me li stivano (o me li bruciano) dentro all'Ippodromo, scederei anch'io in strada a protestare.

Per quanto riguarda gli episodi del G8 intendo parlarne in un post in futuro. Carlo Giuliani stava per scagliare un estintore addosso ad un poliziotto, è vero, e la sua martirizzazione è stata probabilmente esagerata. Il poliziotto condannato, però, è stato solo il capro espiatorio della situazione: abbandonato a se stesso dall'Arma e dalle istituzioni, è stato condannato solo per dare un contentino a chi chiedeva giustizia. In reltà si è cercato di parlare solo di quello, per cercare di coprire altri fatti scandalosi avvenuti in quel G8: i Black Block vennero lasciati agire indisturbati, mentre i No Global che avevano l'autorizzazione del Comune per sfilare in determinate zone vennero attaccati; le comunicazioni via radio dei vari reparti della Polizia contengono frasi di odio e di sadica soddisfazione, che commentano gli scontri contro gente che non stava facendo niente di male; i ragazzi che avevano trovato rifugio all'interno della Scuola Diaz (gente proveniente da tutta Europa) sono stati picchiati a sangue e in seguito deportati nella caserma di Bolzaneto, dove sono stati torturati fisicamente e psicologicamente, manco fosse un lager (e in quel caso ancora oggi nessuno ha pagato).
Dal G8 e da fatti quotidiani come gli scontri in Campania, emerge quella che è la realtà delle forze dell'ordine in Italia:
- totale disorganizzazione, mancanza di coordinazione e conoscenza delle situazioni che si affrontano;
- mancanza di una buona preparazione degli agenti e mancanza di un'educazione al rispetto della persona;
- persone che dovrebbero mantenere l'ordine, ma che invece sono le prime a creare disordine, perché agiscono esattamente come una massa fuori controllo (e tutti sappiamo come trovarsi in una massa possa amplificare la percezione del proprio potere);
- forze che dovrebbero essere al servizio e dalla parte del cittandino, ma che in realtà sono davvero servi dei padroni (frase trita e ritrita, ma i luoghi comuni hanno sempre un fondo di verità);
- ultimo ma non ultimo: in Italia il 90% (se non di più) di chi sceglie di arruolarsi in qualche forza armata, simpatizza per l'ideologia fascista.

E quest'ultima cosa è evidente, inutile nascondersi dietro un dito. Se vengo attaccato da 3 Nazi di merda, chiamo la polizia e quando arrivano gli agenti chiedono a me i documenti intanto che i 3 stronzi scappano (e gli agenti fanno finta di niente), allora c'è davvero qualcosa che non torna.

Se poi ti aspetti che la realtà dei fatti ti venga raccontata dall'Emilio Fede di turno, fai pure, ma è una battaglia persa in partenza: l'informazione che passa in tv e in quasi tutti i quotidiani è tutta manipolata. Come scriveva Orwell in 1984: "Chi controlla il presente controlla il passato, e chi controlla il passato controlla il futuro"; e questo i potenti lo sanno molto bene. Vedendo l'andazzo del Paese, forse tra qualche anno in Italia vedremo davvero slogan che dicono "La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l'ignoranza è forza". Fortuna che ci rimane ancora la Rete (per ora).
Il re è nudo, ma il re non lo sa.

Anonimo ha detto...

Caro lo zio crensis,tu mi scrivi che non si tratta di gente camorrista ma di persone innocenti vittime di un sistema sbagliato posto sopra di loro,ed in parte è vero ma è un sistema che spesso hanno difeso,non sono fatti nuovi in alcuni quartieri di Napoli aggressioni subita da poliziotti da parte della cittadinanza per non far arrestare il camorrista di turno,o lo spacciatore o chi per esso.La situazione dei rifiuti sicuramente è intollerabile ma la colpa seconda me oltre allo stato è anche loro,dici bene che se portassero rifiuti di ditte del sud all'ippodromo scenderesti in piazza e questo è sacro santo ma se lo facessi dopo 15 anni non sò quanto sarebbe giusto farlo e bloccare i tentativi di apertura discariche perchè ora vanno fatte e la gente se lo deve mettere in testa,se no come risolvere il problema rifiuti????portarli in germania???sinceramente non ho voglia di pagare per non risolvere il problema.


Penso inolre che sei troppo critico sulle forze di polizia,il problema dell'Italia è che ci sono troppe leggi a favore di chi commette i crimini e delinque.Non penso che ci sia così tanta inpreparazione dalla parte delle forze dell'ordine nell'affrontare situazioni perchè come nel caso di Napoli saranno polizziotti proveniente dalle medesime situazioni dei cittadini,non pensono che sia arrivato un commando da Bolzano.


I polizziotti uomini di destra e Fascisti???questo mi sembra solo una frase fatta....Sicuramente qualcuno avrà ideologie di "quando c'era Lui" e sono una minoranza se no al semaforo non avremo più così tanta gente che vende rose o chiede l'elemosina o le stazioni non sarebbero piene di gente ubriaca che rompe le palle,se poi far rispettare la legge è essere fascita lo sono anch'io.


Ultimo paragrafo....La verità sicuramente non la sentiamo in televisione ne tantomeno da Emilio Fede,ma sono anche sicuro che la nostra verità la cerchiamo in rete,padre e padrone di tutte le verità,in rete posso trovare articoli su una vicenda molto diversi tra loro e allora la verità qual'è????

Bumba ha detto...

questo sopra sono io ho per sbaglio schiacciato invio...Ma secondo voi dragon ball cosa vota???

Giuliano Stelvio , moderatore della chat ha detto...

Dragon ball non vota perchè ha ancora la residenza a Namek e ogni volta che ci sono le elezioni il paese viene distrutto e degli abitanti fatto mangime per pappagalli.mi dispiace.per quanto riguarda "il re"che citava lenny per favore,ditegli che è nudo perchè in questo blog nessuno deve essere nudo.anche chi non lo sa.


Dr Giuliano Stelvio , moderatore dellachatdelblogdellenny

Andy ha detto...

Caro Zumbetta, forse ti sfugge che gli aggressori dei poliziotti facevano parte di famiglie camorriste, di quella stessa rete mafiosa che dà loro lavoro, quindi è ovvio che si ribellassero all'arresto dei loro capi.

La colpa è delle persone che per 15 anni non si sono ribellate? Come potevano? Se scendono in piazza li manganellano. Se si rifiutano di pagare per un servizio che di fatto non c'è (la raccolta della spazzatura), viene sequestrata loro la casa. Se di loro spontanea volontà dividono la spazzatura, se la ritrovano mischiata sotto casa perché non c'è chi provvede a smaltirla.
No, la colpa non è loro. La colpa è dello Stato. Di uno Stato che fa gli interessi dei mafiosi. Di uno Stato che se ne frega del cittadino, che lascia i poveri a scanarsi con altri poveri. Di uno Stato che butta via i soldi.
Non vuoi pagare perché i rifiuti vadano in Germania? Lo stai già facendo.E paghi anche una seconda volta: per ricomprarli. Infatti le industrie del nord accumulano i rifiuti indifferenziati al sud; dal sud paghiamo la Germenia perché se li porti a casa sua e li divida; una volta divisi li ricompriamo e tornano in Italia per essere riciclati. Di chi è la colpa: dei cittadini che non riescono a dire la loro, o dello Stato che permette tutti questi sprechi?
La soluzione? Riduzione degli imballaggi inutili da parte delle industrie; raccolta differenziata e riciclo (si può arrivare al 70-80% di tutti i rifiuti); smaltimento dei rimanenti rifiuti non riciclabili in impianti di bio-essicazione a freddo (producono meno scarti degli inceneritori e soprattutto rispetto a questi ultimi non causano tumori).

E' vero che in Italia chi delinque rimane spesso impunito e questo andrebbe sicuramente cambiato (a partire dalla alte cariche dello Stato). Ma l'abuso di potere da parte degli agenti di polizia è evidente: una volta che sono in tanti, armati e ben protetti, niente gli impedisce di svolgere i loro compiti; e se gli viene ordinato di caricare delle persone disarmate, loro lo fanno, senza curarsi di chi hanno davanti. Durante le guerre i soldati li drogavano per mandarli allo sbaraglio, perché combattere la paura della morte; in questi casi non ce n'è bisogno: una volta che ti hanno addestrato senza educarti sul rispetto della persona, come puoi avere paura di caricare della gente disarmata?

La vera forza della Rete è la pluralità di opinioni e di informazioni. Come trovare la verità? Cercarsi fonti attendibili, tanto per cominciare. Ma la regola ultima rimane una sola: ragionare con la propria testa ed essere disposti a cambiare opinione.

Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero.

Arturo Rossi in Casagli,poeta ha detto...

Pallido è il colore dei miei pensieri,stanchi ancora una volta come ieri.
Giallo invece se mi cospargo di mele sono le parole del mio sapere,ma non guardate in tanti le mie mutande,marroni dietro e gialle davanti

Si fa presto a dire ha detto...

Arturo Rossi è un gran poeta ,lo stimo moltissimo ed ha un gran cuore.

Guido ha detto...

Purtroppo l'ignoranza è il cancro del mondo e nemmeno quei poveri polizziotti possono fare qualcosa perchè le mazzate non bastano sarebbe più facile educare un cane.
Sono anni che vivono in mezzo a immondizia e omertà e ora ne pagano il prezzo... sapete che vi dico man'caga!
Ognuno raccoglie ciò che semina e questi seminano merda da quando ci sono.. durante la guerra mandavano acqua la posto della benzian in africa ai militari italiani!
Caro lenny un po' di fascismo farebbe anche bene a questa italia piena di piaccioni e venduti e porterebbe un po' d'ordine e severità dove serve.
Forse non saremmo più invasi da tutti questi personaggi che arrivano da un po' dappertutto e fanno ciò che gli pare visto che l'italia è il paese che li tutela più del cittadino che stenta ad arrivare a fine mese... pensa che gli immigrati anche se hanno un lavoro non pagano scuola elettricità gas e sanità allo stato, e magari guadagnano più di un italiano medio.
A MORTE, AL ROGO